UNA “PREGHIERA" DI RAFFAELE VIVIANI

 

“Santu Catiello! Santu Catiello, oje  prutettore de Castellammare, 

te porto ‘nganno cu’  l‘abbetjello  mannece  pace, fatica e denare,

 nu buono sposo pè chella figlia, na varca flova, pronti cuntantepè:

ffa ascì’ ‘a Zuppa,

pe’ tutt’ ‘a famiglia.

 

Chesta è ‘a preghiera d’ ‘o navigante!

Santu Cariello! Santu Catiello,

 

pe ‘chi è nemico, rinnovo ‘a preghiera.

nun ‘ofa ‘mettere ‘o caccaviello

e ‘a varca affonnala  primma ‘e stase­ra.

Santu Catiello, te cerco perduono..

io nun desidero ‘o mmale d’ ‘a ggente!”

 

(da Padroni di Barche 1937)

 

 

Torna alla pagina precedente